Login Pop-up

 
  • slide1
  • slide2
  • slide3
  • slide4
  • slide5
slide11 slide22 slide33 slide44 slide55

Osteo Vitae

15,00 €

Osteo Vitae

PREVENZIONE DOLORI ARTICOLAZIONI MAL DI TESTA, MAL DI SCHIENA, COLLO ARTROSI previene la infiammazione. AIUTA ANCHE LA RICOSTRUZIONE DELLE CARTILAGINI

OFFERTA  LANCIO AL 50%% DI  SCONTO L'ALTO IMPATTO 32 euro sconto a 15,40

BIOKISS PHARMA IL MEGLIO DEL MERCATO DELL' INTEGRAZIONE "NUTRACEUTICA" CONFRONTA PREZZO 15.4

TRE CONFEZIONI PREVENZIONE LUNGO PERIODO SPEDIZIONE GRATUITA

Con condroitina solfato mg 400.0 , glucosamina solfato mg 300.0, Boswellia serr. Roxb. mg 200.0 , manganese mg.1.0 , vitamina C(acido L-ascorbico)  mg.200.0 e B12 1 mcg (cianocobalamina) .

PREVENZIONE DOLORI  ARTICOLAZIONI  ARTROSI MAL DI SCHIENA  TESTA COLLO  . AIUTA ANCHE LA RICOSTRUZIONE DELLE CARTILAGINI -Prodotto di  Integrazione naturale  

CONSIGLIO DELL'ESPERTO : si abbina e ottimizza con GERIXDOL crema e con Longa Vitae Support  per la sinergia d'azione antinfiammatoria


CULTURA NUTRACEUTICA :  I PRINCIPI ATTIVI ALIMENTARI - non prendere integratore senza consiglio medico

CONTROITINA SOLFATO

Il solfato di condroitina è un glicosaminoglicano (GAG) sotto forma di solfato, composto da una catena alternata di zuccheri (N-acetilgalattosamina e acido glucuronico). Si trova normalmente associata a determinate proteine, a formare un proteoglicano. Una catena di condroitina può avere oltre 100 zuccheri, ognuno dei quali può legare ioni solfato in posizione e quantità variabili. Capire la funzione di tale diversità nella condroitina e dei relativi glucosaminglicani è uno dei maggiori obiettivi della glicobiologia. Il solfato di condroitina è il più importante componente strutturale della cartilagine, dandogli la quasi totalità della resistenza alla compressione : inoltre, per la sua capacità di richiamare acqua, la condroitina solfato aiuta efficacemente a "lubrificare" le articolazioni. Sfortunatamente il contenuto di condroitina solfato nelle cartilagini declina notevolmente con l'età.

È una sostanza sostanzialmente sicura , fatta eccezine per rari casi di disturbi gastrici, analogamente a quanto visto per la glucosammina ; tuttavia non deve essere sottovalutata l'interazione con prodotti eparino-simili di cui ne potenzia l'azione.

Associato alla glucosamina, il solfato di condroitina è divenuto un integratore alimentare ottimamente impiegato per l'osteoartrite.

La supplementazione dietetica tramite integratori specifici di queste due sostanze permette un loro pronto utilizzo a livello fisiologico

La glucosammina e la condroitina solfato sono infatti utilizzate nella terapia delle osteoartriti e come prevenzione e trattamento degli infortuni osteoarticolari tipici in alcune discipline sportive che causano un eccessivo lavoro a livello delle articolazioni ed uno stress da sovraccarico funzionale. La glucosammina e la condroitina solfato svolgono un'efficace protezione prevenendo l'usura cartilaginea e/o stimolando la produzione di cartilagine in quelle zone articolari usurate tramite la sintesi di glicosaminoglicani. Circa il meccanismo d'azione di queste sostanze si è ipotizzato che esse possano agire sinergicamente inibendo gli enzimi lisosomiali capaci di distruggere la cartilagine e allo stesso tempo stimolino la sintesi dei proteoglicani.

Circa il 90% delle glucosammina solfato ingerita viene assorbita; di questa l'8-12% è subito distribuita nei tessuti, mentre il resto viene eliminata con le urine o espulsa come anidride carbonica. La condroitina solfato è invece viene assorbita solo al 10% della quota ingerita.

Questi dati circa illimitato assorbimento di questi due composti ne condiziona i relativi alti dosaggi impiegati per l’integrazione preventiva o a scopo terapeutico sotto supervisione medica

Deal CL, Moskowitz RW. Nutraceuticals as therapeutic agents in osteoarthritis. The role of glucosamine, chondroitin sulfate, and collagen hydrolysate. Rheum Dis Clin North Am. 1999 May;25(2):379-95.
Houpt JB, McMillan R, Wein C, Paget-Dellio SD. Effect of glucosamine hydrochloride in the treatment of pain of osteoarthritis of the knee. J Rheumatol. 1999 Nov;26(11):2423-30.

BOWELLIA SERRATArobx (RESINA)

Anti-Infiammatoria - Antireumatica – AntidolorificaLa parte attiva della pianta è costituita da una droga ricca di oleoresine, che sono miscele di resine e di oli essenziali. La frazione resinosa è composta principalmente da triterpeni, comunque ritrova anche una certa quantità di gomme e di gommoresine, La resina è costituita principalmente da una miscela di acidi triterpenici penta ciclici derivati dall'acido boswellico. Sono anche presenti quattro acidi triterpenici tetraciclici detti acidi tirucallenici, un alcool diterpenico, beta-sitosterolo e alcuni flobafeni. Si ritrovano anche piccole quantità di olio essenziale. La frazione gommosa è ricca di polisaccaridi.

Azione biologica prevalente

antiflogistica e antidolorifica.

Altre azioni

antiallergica, infezioni acute delle prime vie aeree, stati febbrili e dolorosi in genere, malattie artroreumatiche, piccola traumatologia sportiva, dismenorrea, cefalea lieve o moderata, specialmente di tipo muscolotensivo.

Azione antiflogistica e antidolorifica. Studi in vitro e sperimentale nell'animale

Gli acidi boswellici presenti nella componente resinosa bloccano in modo dose dipendente la formazione di leucotriene B4 a partire dall'acido arachidonico in leucociti di ratto coltivati in vitro. Tale azione è dovuta ad inibizione selettiva della 5-lipo-ossigenasi, senza influenzare la ciclo-ossigenasi e la 12-lipo-ossigenasi. Inoltre questa droga inibisce, in vitro, enzimi proteolitici distruttivi quali le elastasi e le ialuronidasi, che vengono prodotti dai leucociti durante la migrazione per chemiotassi nel luogo ove presente l'evento infiammatorio.

Per questo motivo l'azione della Boswellia a livello articolare non è solo sintomatica ma anche curativa, poiché riduce l' assottigliamento della cartilagine articolare facilitato dagli enzimi nominati prima.

Safayhi H. et al. Boswellic acids: novel, specific, nonredox inhibitors of 5-lipoxygenase. J. Pharmacol. Exp. Ther., 261, 1143-1146, 1992.
Kapil A. et al. Anticomplementary activity of boswellic acids--an inhibitor of C3-convertase of the classical complement pathway. Int. J. Immunopharmacol 14,1139-1143, 1992.
Una metanalisi pubblicata alla fine del 2008 sul British Journal of Medicine ha valutato quale fosse l'effetto antiflogistico della boswellia sulla base degli studi clinici finora pubblicati. A tal fine sono stati considerati esclusivamente gli studi clinici controllati riguardanti la boswellia da sola e il suo utilizzo della in patologie coma asma bronchiale, artrite reumatoide, morbo di Crohn, osteoartrite e retto colite ulcerosa. Tutti questi studi hanno evidenziato come l'estratto di Boswellia fosse superiore al placebo nell'alleviare la sintomatologia di questi pazienti, con una ottima tollerabilità . Come conclusione ne è emersio che la metanalisi ha indicato che l'estratto di boswellia risulta efficace in parecchie malattie degenerative a impronta infiammatoria in patologia umana.

Ernst E. et al. Frankincense: systematic review. BMJ. 337:a2813, 2008
L'uso degli integratori o nutraceutici è consigliabile sia effettuato sotto giudizio medico

CONTINUA SU 

http://www.biokiss.it/?zona=dands&subzona=nutraceutica

 

 

1300 mg

Scroll to top